La farmacia tradizionale tramonta e si veste di nuovo - PH Design SRL
18747
single,single-post,postid-18747,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,paspartu_enabled,paspartu_on_bottom_fixed,side_menu_slide_with_content,width_470,qode_popup_menu_push_text_right,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-10.1.1,wpb-js-composer js-comp-ver-4.12,vc_responsive

La farmacia tradizionale tramonta e si veste di nuovo

Dopo aver assistito al suo tramonto come farmacia tradizionale, come solo luogo deputato alla dispensazione dei medicinali, negli anni, la farmacia, si è riposizionata strategicamente, rivedendo le regole del rapporto con il cittadino/paziente. I cambiamenti normativi che si sono susseguiti hanno trovato spesso il paziente disorientato e, inevitabilmente, hanno chiamato in causa l’impegno dei professionisti per aiutare il cittadino a fronteggiare il cambiamento.

Oggi la farmacia è un centro di salute a tutti gli effetti, in coordinamento con gli altri operatori della distribuzione finale e del sistema sanitario. Il farmacista è ogni giorno chiamato a svolgere il ruolo di educatore e di consulente sanitario, tanto importante quanto complesso. Il cittadino sa di poter trovare in farmacia risposte valide e adeguate alle sue esigenze, aspettative e richieste riguardo a patologie, farmaci, terapie praticabili, soluzioni preventive e integrative.

Anche per questo, diventa fondamentale per ogni farmacia l’organizzazione razionale dello spazio vendita, non più semplice contenitore di prodotti, non solo metri di esposizione, ma vero e proprio medium attraverso cui gestire le relazioni con il consumatore e che produca nel cliente stimoli all’acquisto. Più attenzione allo spazio espositivo aumenta il coinvolgimento del cliente, rendendo più piacevole la visita in farmacia.

In relazione alla collocazione urbana e al tipo di clientela, le farmacie si dividono in quattro diverse tipologie, in base all’ampiezza e profondità dell’assortimento:

  • farmacia specializzata: trova la sua migliore collocazione nelle zone a più alta densità urbana, contraddistinte da una notevole qualificazione commerciale;
  • farmacia despecializzata: è una farmacia cui il consumatore si rivolge per la proposizione di beni di largo consumo, a costi contenuti; il processo di acquisto è poco articolato e il coinvolgimento psicologico è scarso. Deve coniugarsi con superfici di vendita ampie;
  • farmacia plurispecializzata: è organizzata attraverso la proposizione di diversi reparti specializzati (per merce, per funzione, per clientela); presenta una vasta profondità e ampiezza dell’assortimento, fornisce risposte multispecialistiche alle richieste di benessere del cittadino/consumatore. E’ presente nei grandi centri commerciali;
  • farmacia marginale: è caratterizzata da un assortimento scarso, si trova nelle zone residenziali, soddisfa le esigenze più veloci e urgenti legate all’extrafarmaco.
No Comments

Post A Comment